Gli squali martello sono facili da identificare, grazie alla testa , appunto, a forma di martello. Possono essere osservati in molte destinazioni subacquee. Con più facilità all’isola di Cocos al largo della Costa Rica, a Malpelo in Colombia e le isole Galápagos, nell’atollo di Rasdhoo, Maldive, a Lombok in Indonesia, nella Polinesia francese, in Mar Rosso e in Egitto, nelle Bahamas e nella laguna di Morovo, Isole Salomone. Insomma un po’ ovunque.
Ci sono nove specie conosciute con lunghezze che vanno dai cento centimetri ai sei metri. Cinque delle specie sono vulnerabili all’estinzione o classificate come in via di estinzione a causa della pesca eccessiva per il commercio delle pinne di squalo.

Great Hammerhead (Sphyrna mokarran) Martello maggiore
Fedele al suo nome, il grande martello è il più grande degli squali martello. Crescono fino a una lunghezza massima di circa sei metri e si trovano nelle zone costiere e al largo delle acque temperate e tropicali. Possono essere identificati dal loro grande martello e da un’enorme pinna dorsale. Una delle loro prede preferite sono le razze, anche se mangiano una varietà di prede. Hanno cucciolate fino a 50 cuccioli alla volta. Tendono ad essere nuotatori solitari.
Questa specie è stata pesantemente pescata a causa della sua grande pinna dorsale e i grandi martelli sono in pericolo.

Scalloped Hammerhead (Sphyrna lewini) Martello smerlato
Può raggiungere i tre metri, riconoscibile dalle tacche nel suo martello, che assomigliano alla forma di una conchiglia. Questi squali si avventurano talvolta negli estuari e si trovano nelle calde acque temperate e tropicali di tutto il mondo. Considerato essere in pericolo in tutta la loro distribuzione globale, la recente scoperta di queste aree di aggregazione è importante per aiutare a garantire la sopravvivenza di questi squali.

Smooth Hammerhead (Sphyrna zygaena)
Ha una rientranza nel centro del suo martello, che gli dona un aspetto liscio. Tollerano maggiormente le acque più fredde rispetto ad altri. Si trovano nelle acque temperate e più calde di tutto il mondo e migrano ai poli durante l’estate per rimanere freschi. Si nutrono di pesci ossei, ma anche di altri squali e razze. Rimangono più vicini alla superficie rispetto ai grandi martello e preferiscono trascorrere il tempo in baie ed estuari.

Winghead Shark (Eusphyra blochii)
Piccola specie di testa di martello che cresce fino a due metri di lunghezza. Ha un martello molto grande che può raggiungere il 50% della lunghezza dello squalo. Si trovano nelle acque tropicali dell’Indo-Pacifico centrale e occidentale e si nutrono principalmente di pesci ossei. Hanno cucciolate fino a 25 cuccioli alla volta e sono state pesantemente pescate per la loro carne e le loro pinne.

Bonnethead (Sphyrna tiburo) Martello dal berretto
Piccolo e attivo squalo martello ha una testa arrotondata. Le femmine adulte hanno grandi teste rotonde, mentre i maschi hanno un rigonfiamento distintivo nel mezzo del martello.
Hanno un piccolo martello rispetto agli altri martelli e devono fare affidamento sulle loro grandi pinne pettorali per nuotare.

Scalloped bonnethead (Sphyrna corona)
Rara specie di squalo talvolta chiamata corona o lo squalo martello. Si trova nell’Oceano Pacifico orientale dal Messico al Perù. Trascorrono il loro tempo vicino alla riva, a volte visitano estuari e mangrovie e si nutrono di pesci e crostacei. Cresce fino a 1 metro, ha una distintiva testa arrotondata simile. Hanno solo due cuccioli per figliata di soli 23 cm di lunghezza.

Scoophead (Sphyrna media)
Specie di martello che pochi conoscono. Si trova nelle acque tropicali dell’Oceano Atlantico occidentale e del Pacifico orientale. È leggermente più grande dello smerlato ma a prima vista sembrano simili. Ha un muso più corto e un’ampia bocca ad arco. Può essere individuato accanto ai martello al largo della costa di Trinidad, dove si nutre di polpi, squali più piccoli, calamari e altro. Poco si sa di questa specie di squali, ma è catturato dalle attività di pesca.

Smalleye hammerhead (Sphyrna tudes) Squalo oro
Hanno un colore oro brillante sulle loro teste e parti del loro corpo e sono a volte chiamati martello d’oro o curry. Si pensa che la colorazione provenga dal pigmento dei gamberetti che gli squali giovanili mangiano e dal pesce gatto che mangiano gli adulti. Questo colore distintivo può aiutare a mimetizzarli negli habitat fangosi che preferiscono, rendendo difficile per i più grandi predatori trovarli e cacciarli. Si trovano comunemente in acque poco profonde e hanno cucciolate fino a 19 cuccioli all’anno. Sono catturati dalla pesca commerciale e il loro numero sta diminuendo, rendendoli vulnerabili all’estinzione.

Carolina hammerhead (Sphyrna gilberti)
Il primo esemplare della testa di martello della Carolina è stato registrato nel 1967, tuttavia non è stato formalmente descritto come specie separata fino al 2013. Il suo aspetto è quasi identico al martello smerlato ma la testa ha 10 meno vertebre ed è geneticamente distinta . Poche ricerche sono state condotte su questo squalo e quindi non ci sono dati disponibili sullo stato di conservazione di questa specie.