LA COPERTINA
fondale di Triton Bay, provincia di Kaimana. Incredibili coralli molli, grande varietà di macro, squali, grandi banchi di pesci e balene pilota, vero paradiso per i più avventurosi

Nuove destinazioni cercasi

La maggior parte delle più ricche immersioni al mondo si trovano sulla fascia tropicale, ovvio da dirsi, per via della fantastica vita che luce solare e caldo riescono ad innescare.
Lungo questa fascia, dove le mete appaiono come super utilizzate si possono ancora trovare dei fuori rotta, destinazioni meno conosciute, qualche volta più complicate ad essere raggiunte. Diciamo che sono viaggi insoliti e c’è anche chi considera un soggiorno in questi luoghi che siano resort o barche charter. Di sicuro sono moltissime ma non potevano elencarle tutte. Abbiamo preso quelle che più ci ispiravano a mo’ di esempio.
Andamane: un piccolo numero di crociere con base in Thailandia effettuano emozionanti viaggi verso questo arcipelago nell’Oceano Indiano.
Cuba: da quando ci si può muovere con maggiore libertà si sono scoperte località davvero insolite immerse nel vero clima tropicale dei Caraibi. Ci sono anche numero molto limitato di crociere operanti qui è ancora un’esperienza rara.
Myanmar: Thailandia e le isole Similan hanno attirato grandi folle per anni e anni, il vicino Myanmar è stato ampiamente trascurato. Avendo iniziato ad aprirsi politicamente, ora ci sono alcune crociere in Myanmar che visitano isole remote e disabitate.
Sudan: le crociere dall’Egitto sono un sentiero ben battuto. Tuttavia, grandi tesori attendono coloro che sono pronti ad andare un po ‘oltre. Scogliere incontaminate, popolazioni di squali, siti non affollati e incredibili relitti possono essere vissuti con una crociera che visita i fantastici siti di immersione del Sudan.
Turks & Caicos: Questo arcipelago, nazione indipendente, non spartisce nulla con Bahamas o Cayman, più note. Ha fondali molto particolari e specie con una crociera c’è da divertirsi.
Filippine, Tubbataha Reef: lontano da terre isolane, queste acque cristalline ospitano barriere coralline incontaminate, immersioni sui relitti e pareti.
Poi ci sono le destinazioni insolite che coprono aree geografiche. L’ultima in ordine di tempo che sta facendo man bassa tra i viaggiatori è l’Indonesia con le sue mille sfaccettature. Komodo, Raja Ampat, Lembeh Strait, Bali e altri sono ben noti. Ma c’è un’area che scoppia di vita ancora poco visitata: il mar di Banda con centinaia di isole compreso tra Timor e l’ex Nuova Guinea. Destinazioni da charter.
Appena fuori dalla consueta rotta di Raja Ampat, si trova Triton Bay nella provincia di Kaimana (a sud di Raja Ampat). Incredibili coralli molli, una varietà di macro vita, squali, grandi banchi di pesci e balene pilota, oltre a pitture rupestri antiche da ammirare, vero paradiso per i più avventurosi.
Mentre le crociere danno la possibilità di andare in giro, le località turistiche consentono di conoscere bene un’area.
Stare in un’isola remota in questa parte dell’Indonesia e immergersi nei siti locali non è sicuramente qualcosa di cui molti subacquei possono vantarsi.
Terza scelta i viaggi cosiddetti di transito. Due o più località nella stesso tour. Che so tipo Australia insolita, dalla Grande Barriera alle coste della parte occidentale. Oppure per rimanere in Indonesia Alor e Siladen, o Ambon, Banda, Alor, o Halmahera, Raja Ampat e Flores. E perché no le Figi partendo da Taveuni per raggiungere la meno nota Kadavu. Oppure l’atollo di Turneffe in Belize destinazione finale di un tour centro americano.
La scelta è ampia, le possibilità moltissime, basta cercare.

Beccati

L’esibizionismo costa. E si paga come in questo caso

Tourist’s mermaid pose
incites wrath over coral damage

By SOMCHAI SAMART,
PRATCH RUJIVANAROM
THE NATION
THREE THAI tourists have been fined Bt 1,500 each for sitting on a mountain coral at Mu Koh Surin National Park in Phang Nga. After pictures of two women posing picturesquely while sitting on a large mountain coral – apparently in Ao Mae Yai Bay in the Surin Islands – went viral on social media, Mu Koh Surin National Park chief Phuttipot Kuprasit said on Thuesday the Thai tourist and two others had already been detained and fined for violating park rules. (The Nation Thai Portal)Tre turisti tailandesi sono stati multati di 1500 Bat ciascuno per essersi seduti sul corallo a Mu Koh Surin National Park a Phang Nga. Dopo che le foto delle due donne che posano in modo così pittoresco su una larga “montagna” di corallo – probabilmente a Ao Mae Yai Bay nelle isole Surim – è diventata virale sui social, Phuttipot Kuprasit responsabile del Mu Koh Surim National Park ha dichiarato giovedì che i turisti tailandesi e le altre due sono state trattenute e multati per aver violato le regole del Parco.

400 milioni avanti

La pelle lo sostiene nel suo nuoto grazie ai denticoli modellati in modo particolare

Prima lo massacriamo, lo denunciamo come il più avido dei mangiatori di uomini, gli tagliamo le pinne per farne zuppa, lo insultiamo come troppo arrogante ed aggressivo poi si scopre che ha nella sua struttura ha qualcosa che potrebbe aiutarci a migliorare per muoverci con più efficienza.
La sua pelle, antico mistero, ha forse svelato qualcosa d’altro che potrebbe aiutare ad aumentare l’aereodinamica di aerei, droni, turbine eoliche e perché no auto.
Un team di biologi e ingegneri della Harvard University in collaborazione con altri ricercatori dell’Università della Carolina del Sud hanno studiato e compreso quale sia la particolarità che rende gli squali così aerodinamici.

A) Dettaglio pelle di squalo mako ad alto ingrandimento. B) Una squama o dentello singolo ricostruito in 3D. C) D) Dentelli applicati su un'ala di aereo

A) Dettaglio pelle di squalo mako al microscopio elettronico. B) Una squama o dentello singolo ricostruito in 3D. C) D) Dentelli applicati su un’ala di aereo

La pelle degli squali è ricoperta da migliaia e migliaia di piccole squame, o dentini (anche chiamati talvolta dentelli), che variano per forma e dimensione intorno al corpo“, ha precisato George Lauder, professore di ittiologia e biologia evolutiva, co-autore della ricerca. “Sappiamo molto sulla struttura di questi dentelli – che sono molto simili ai denti umani – ma la funzione non è chiara“. Lauder e il suo team si sono chiesti se ci fosse qualcosa di più nella storia. E se questi minuti dentelli invece di ridurre la resistenza aumentassero la portanza? Domanda lecita e per questo hanno diretto la loro attenzione al mako, lo squalo più veloce del mondo.
I denticoli del mako hanno tre creste rialzate, come un tridente. Utilizzando la scansione micro-CT, la squadra ha modellato i denticoli in tre dimensioni. Successivamente, hanno stampato in 3D le forme sulla superficie di un’ala con una sezione aerodinamica curva, noto come profilo alare.
Hanno quindi testato 20 diverse configurazioni di dimensioni del dentello, righe e posizioni di fila sui profili aerodinamici all’interno di un serbatoio di scorrimento dell’acqua.
Hanno scoperto che oltre a ridurre la resistenza, le strutture a forma di dentino aumentavano significativamente l’alzata, fungendo da generatori di vortici a basso profilo ma ad alta potenza. Che raggiungono miglioramenti nel rapporto portanza-resistenza fino al 323 % rispetto ad un profilo alare senza generatori di vortici. (fonte Harward sea edu)

Nuova specie o inquinamento?

Solo sei esemplari per ora di questi pesci con le corna. Nessuno riesce a spiegare l’anomalia

Un luccio di 12 chili è stato pescato nelle acque di un fiume siberiano. Differente dal solito perché possiede quattro corna sulla testa come se fosse un rinoceronte. Non è la prima volta che un pesce con una simile deformazione viene catturato in Siberia.
Si sono fatte molte congetture al riguardo ma nulla di specifico è emerso.  Qualcuno ha addebitato la deformazione all’inquinamento ma è stato fatto notare che gli impianti di carburante per i missili russi nelle vicinanze hanno chiuso anni fa. Anche le miniere di Tarsky, che si trovano in prossimità del fiume, hanno cessato ogni attività.
Le antiche leggende popolari raccontano che tra le tribù che popolavano la Siberia occidentale e settentrionale avessero una certa conoscenza della presenza di un pesce drago. Ma sono come al solito leggende. Il laboratorio delle Scienze Zoologiche ha valutato il caso e ha dichiarato il suo scetticismo che la deformazione sia stata causata da qualche sorta di inquinamento.
Potrebbe essere una nuova specie?
Difficile a dirsi perché fino ad ora solo sei di questi lucci “cornuti” sono stati catturati in anni.

Phuket, infrante le regole del Parco

Ambientalisti denunciano la tolleranza degli amministratori

Il gruppo Go Eco Phuket (Thailandia), che riunisce i centri di immersione locali, ha pubblicato le foto di subacquei giapponesi che non hanno rispettato le regole del Parco marino su tutti i social. Il Dipartimento delle Risorse Marine locale ha dovuto per forza prenderne atto e reagire rintracciando l’imbarcazione che aveva effettuato l’uscita.
L’ufficio di registrazione del settore turistico, e delle guide del governo, sta ora valutando la richiesta di Go Eco Phuket di  effettuare controlli sulle licenze di tutti gli operatori che hanno causato la revoca per i danni ai coralli.
Ne abbiamo abbastanza, non possiamo più tollerare l’ignoranza dei funzionari locali“, ha detto Ittiput Schadt responsabile del gruppo. “Nulla è stato fatto da quando ho presentato le prove delle cattive pratiche di queste compagnie e guide, comprese le foto dei sommozzatori seduti sulle barriere coralline.”
L’imbarcazione che ha effettuato le immersioni – North Star – è stata bandita dall’entrare in una sezione di un parco marino in Tailandia (Hat Noppharat Thara-Mu Ko Phi Phi vicino a Koh Phi Phi), dopo che un gruppo di suoi sommozzatori ha potuto tenere un cartello su una testa di corallo congratulandosi con un sub giapponese per aver completato 200 immersioni.
Nares Choopueng, capo del dipartimento delle risorse marine e costiere (DMCR), che è responsabile della protezione delle barriere coralline di Phi Phi, ha confermato il divieto al Phuket News. La North Star, che gestisce le immersioni per Happy Star Tour Co, era già stata criticata all’inizio di dicembre per permettere a un sub di sedersi su una testa di corallo sull’isola di Koh Racha Yai, a sud di Phuket.

Filippine 9 – 18 Marzo 2018

Fishermen’s Cove Dive Resort

Si trova nei pressi di Puerto Galera, sita nella parte più inferiore della penisola che si sviluppa con ampie baie verso il mare aperto. Puerto Galera è rinomata da tempo per i suoi fondali, il mare e le attività che vi si possono svolgere. Il Fishermen’s gestione italiana, è affacciato sul mare nel mezzo di una piccola baia circondata da una fitta foresta di mangrovie.

AQTNews notiziario di Aquadiving Tours


AQUADIVING TOURS
EUDI 2018 BOLOGNA
STAND D 15


ScubaZone
 magazine di subacquea e lifestyle
N. 36 Palau, Micronesia.
N. 38 in uscita Piccolo Mondo Antico

In favore delle aragoste

Si chiama “crustacean compassion” la campagna contro il trattamento disumano dei crostacei che come si sa vengono gettati vivi nell’acqua bollente. Questa “campagna” è una iniziativa britannica a cui hanno aderito in primis 56 biologi e studiosi inglesi. Sul sito della campagna si può firmare la petizione e leggere le motivazioni di questa iniziativa. Un trattamento quello riservato ai crostacei che a dire il vero era un po’ fuori luogo benchè le tradizioni della cucina indicassero di usare questo metodo.

post_recenti

*STORIA | Siladen TopDive
*NEWS 
|  Grand Bahama i tigre
*INDONESIA | Muck diving
*RELITTI | UBoat 85
*RELITTI | 
Kraken di Virgin Gorda
*MARE | Pulire casa
*CROCIERAVisayas Filippine

CROCIERA MALDIVE

GENNAIO MY MOONIMA

SILADEN MARZO
CON ACCOMPAGNATORE SUB DALL’ITALIA
Siladen Resort & Spa 9 notti + Singapore 1notte
Offerta soggetta a disponibilità limitata

FILIPPINE MARZO
Fishermen’s Cove Resort

MICRONESIA PALAU
Speciale PRENOTA PRIMA
Palau Pacific Resort


Scubaportal 35
destinazione Socorro

Il 37 sarà di carta

Il numero cartaceo sarà presentato all’EUDI Show, Fiera di Bologna, 2-4 marzo 2018

Un fotografo italiano tra i vincitori del prestigioso UPY 2018 – Underwater Photgraphy of the Year – che si è tenuto in Gran Bretagna. Gianni Pecchiar si è classificato secondo nella categoria relitti con l’immagine “navigazione sicura”. Nelle note della giuria c’è scritto che questo scatto fotografico è rimasto ben impresso nella mente dei giudici fin dalla prima apparizione per la sua complessità. Lo scatto ha una sua complessità con la parte sottostante illuminata e dettagliata e con la parte superiore più scura. la bravura di Gianni è stata di aver equilibrato molto bene le due parti evidenziando i tre sub che volano sopra il relitto.