LA COPERTINA
Esemplare di cernia gigante, (Epinephelus lanceolatus) appartenente alla sottofamiglia Epinephelinae. Non facile da essere individuate vivono nei Caraibi, Florida, fondali africani bagnati dall’oceano Indiano. Le cernie giganti sono ermafroditi proteroginici ovvero, le cernie vivono inizialmente come femmine fino a una certa età e poi si convertono in maschi, irreversibilmente. Una delle particolarità di questo fenomeno è che, perché una cernia femmina che si trasformi in maschio, è necessario che esista una pressione demografica di individui di piccole dimensioni che dia l’avvio al processo di inversione sessuale. Così, se in una certa popolazione di cernie giganti non esistono esemplari giovani, le femmine potrebbero anche non trasformarsi mai in maschi e questo metterebbe a rischio l’esistenza stessa della popolazione.

Virale se si insiste

Il #binbagchallenge è un progetto di pulizia marina avviato dal portale di immersioni tedesco, rateyourdive.com e Ban’s Diving Resort di Koh Tao, in Tailandia. Sperano che i subacquei di tutto il mondo saranno spinti a prenderne parte.
L’idea è che i sub e le loro comunità raccolgano rifiuti ovunque siano e condividono quanto hanno fatto pubblicando fotografie di borse piene di rifiuti con l’hashtag #binbagchallenge sulle loro pagine di Facebook.
“Usiamo l’idea della Ice Bucket Challenge, che è andata in giro per il mondo qualche anno fa”, afferma Ricardo Wenzel che ha ideato lo schema con Alex Mitsch di Ban’s.
“Con #binbagchallenge vogliamo sensibilizzare in particolare l’inquinamento mondiale degli oceani e, allo stesso tempo, fornire una parte della soluzione.
“Grazie all’idea di viralità, sono stati fatti piccoli passi in tutto il mondo per combattere l’inquinamento ambientale … e fare pressione sui politici e sull’economia, costringendoli a fare qualcosa”.
Lo slogan è: Non importa dove ti trovi … Me se vai in giro da qualche parte per un’ora e non trovi nulla che tu possa raccogliere, allora riceverai un corso di immersione gratuito da parte mia!” Simpatico e curioso.

Foresta e oceano, l’altra Maldive

Fuvahmulah, gli squali tigre sono stanziali

L’immagine prevalente dell’oceano maldiviano, oltre agli ecosistemi delle barriere coralline e della loro vita, sono mante e squali balena. Questa prospettiva attira ogni anno migliaia di subacquei nell’arcipelago. Tuttavia gli atolli offrono un’altra avventura, anche se meno nota: le immersioni con gli squali tigre.
Le “tigri marine” popolano le acque costiere tropicali e subtropicali. Conosciuti come “i bidoni dell’immondizia dell’oceano” per la loro capacità di divorare tutto, sono considerati i più pericolosi dopo il Grande Bianco, sulla stima delle statistiche. Questi macro predatori non sono una novità alle Maldive. La maggior parte degli avvistamenti sono relativi a squali “di passaggio”. Per i subacquei che cercano specificamente i tigre, Fuvahmulah è sicuramente il luogo adatto.
Fuvahmulah è una sorta nursery isolata… LEGGI

Per informazioni sulla destinazione Aquadiving Tours

Piantato sul fondo

Le trame di molte opere di narrativa sono imperniate sulla premessa dei nazisti in fuga dalla Germania diretti verso il Sud America con sommergibili carichi di oro. Uno di questi U-Boot con capacità di navigazione a lungo raggio, proprio uno di quelli che alimentava queste speculazioni è stato rintracciato al largo delle coste danesi. Oltretutto in una insolita posizione.

Immagine sonar del relitto

Il relitto dell’U-3523, che è stato affondato con bombe di profondità da un B24 Liberator britannico il 6 maggio 1945, è stato situato a 10 miglia nautiche a nord di Skagen nello stretto di Skagerrak, Danimarca, ad una profondità di 123 metri dai ricercatori del Museo della Guerra dello Jutland a Thyboron. Il museo, con il suo programma di scansione a lungo termine per i naufragi del Mare del Nord e della Skagerrak, ha descritto la sua ultima scoperta come “sensazionale”. Il team ha avuto la sorpresa di vedere un’immagine del sonar che mostrava come tutta la parte anteriore della U-boat era sepolta nel fondo del mare, mentre la poppa – in verticale – 20 metri dal fondo”. L’U-3523 era un U-Boot di tipo XXI avanzato progettatato per rimanere sommerso per lunghi periodi e che avrebbe potuto rivoluzionare la guerra sottomarina se la Germania avesse avuto il tempo di produrli (solo 2 sono entrati in servizio; nessuno entrato azione).L’U-3523 affondò il giorno dopo che le forze tedesche in Danimarca, nel nord-ovest della Germania e nei Paesi Bassi si erano arrese, e si suppone che il sommergibile fosse probabilmente in fuga. Dato che il suo raggio d’azione avrebbe potuto arrivare non-stop fino in Sud America,e dopo la guerra si pensava avesse raggiunto la libertà.
I dati forniti dall’aereo erano corretti circa l’affondamento ma errati nella posizione: indicavano 9 miglia dal punto del naufragio. Dopo la guerra Gran Bretagna, Stati Uniti, Francia e l’Unione Sovietica hanno preso il controllo di un certo numero di U-Boot Type-XXI per il loro uso, mantenendoli in attività fino agli anni ’80  come nel caso dell’Unione Sovietica. L’unico U-Boote conservato è esposto a Bremerhaven, in Germania. La posizione sul fondale del sommergibile non permetterà alcuna operazione di recupero dei corpi dell’equipaggio (58) o dell’eventuale carico (sconosciuto).

 

L’isola del profumi

Grandi e piccoli vivono tutti qui, a Nosy Be nell’oceano Indiano del Madagascar

Nosy Be, detta anche, “l’isola dei profumi”, una perla dell’Oceano Indiano, incastonata tra l’imbocco del Canale del Mozambico e l’isola madre, Madagascar. Laghi vulcanici e cascate d’acqua cristallina, si mescolano al profumo di vaniglia e ylang ylang. La sua vegetazione endemica, unica e irripetibile così come i suoi animali che la popolano, vi introdurranno a Nosy Be con il sorriso tipico dei suoi abitanti. Il mare sorprenderà con incontri che vanno dalla macro al pelagico.

Foto Raffaele Cangiano

Fino a marzo le attività sono sospese causa pioggia. Poi la stagione si normalizza e tutto riprende normalmente.
Le possibilità che si offrono non riguardano solamente le attività subacquee, anzi, Manta Diving è strutturato per rispondere ad ogni esigenza. Utilizza al meglio le risorse, le conoscenze e le collaborazioni locali, le strutture presenti e, in primo luogo, la straordinaria varietà di tutto ciò che esiste a Nosy Be e sulle isole che la circondano.

Squalo balena (foto Emanuele Veneziani)

Il Manta Diving opera sull’isola di Nosy Be dal 1996 e dal 2011 ha due gestori italiani. Professionisti capaci di soddisfare ogni curiosità ed a risolvere  un problema organizzativo. Da anni al vertice per professionalità e conoscenza del luogo, per servizio e qualità offerti… LEGGI DI PIU’


AQUADIVING TOURS NOSY BE ARC EN CIEL HOTEL


NEWS DI IERI

AQTNews notiziario di Aquadiving Tours


SCUBAZONE MAGAZINE
n 35 Socorro
36 Palau firmato Aquadiving

n 38-in uscita– Siladen

INDONESIA
– SILADEN DIVE RESORT
SILADEN DIVE RESORT
GANGGA 
Gangga Island Resort
-ALOR
Alami Alor Dive Resort

Eco Alor Resort

 

MALESIA
BORNEO MALESE
Mabul Borneo Divers Resort

MALDIVE
ATOLLO di BAA
Dharavandhoo Guest House

CROCIERA
My Dhonkamana o Princess Rani

AFRICA
MADAGASCAR
NOSY BE

TANZANIA
MAFIA ISLAND
Shamba Kilole Lodge

MICRONESIA
PALAU
Palau Pacific Resort

Appunti di Viaggio

Madagascar – Nosy Be. E’ un frammento di isola nell’isola situata nella parte nord occidentale del Madagascar, 8 chilometri al largo di una costa frastagliata. Le tiepide acque del Canale di Mozambico, la protezione del massiccio Tsaratanana rendono il clima dell’isola più mite dal resto del territorio. Visitabile da aprile a novembre.

Tanzania – Isola di Mafia. La mancanza della modernità offre vantaggi innegabili come una natura ed un oceano che non è stato depauperato. Qui è Africa, talvolta dura, irruente, che lascia il segno. E il mare africano, in questo caso l’Oceano Indiano, ha le stesse caratteristiche delle savane o delle foreste, rispecchia la violenza di colori e di animali. Visitabile da giugno a marzo.

Borneo Malese – Mabul, Kapalai, Mataking. Le prime due a poche decine di minuti da Sipadan, celebre per i suoi fondali, parco marino accessibile a numero chiuso. Mabul e Kapalai, sono famose anche per il “muck dive” con fondali poco profondi. più lontana da Sipadan, poggiano su un vasto pianoro sabbioso. Mataking si trova nel canale di Alice, profondo 100 metri. Visitabili tutto l’anno.

Isole Gili & Lombok. Gili Trawangan. Con Gili Meno e Gili Air sono tre isolotti a nord di Lombok. L’arcipelago è molto rinomato per le numerose attrattive turistiche e i fondali marini. Sono isole semplici con mare cristallino. Luogo ideale per chi è alla ricerca di tranquillità, di semplicità e di una vacanza dettata da ritmi naturali. Niente auto.Visitabili tutto l’anno.
Isola di Bali. Eccellenti immersioni con differenti caratteristiche. Dalle ripide pareti di Menjangan alle strane creature che si trovano a Gilimanuk, al famoso relitto della seconda guerra mondiale a Tulamben, alle correnti con acque fresche di Nusa Lembongan e Nusa Penida con le numerose mante. I siti di immersione sono facilmente raggiungibili. Visitabile tutto l’anno.
Nord Sulawesi – Gangga Island. Si trova nel bel mezzo di un’area marina considerata eccezionale da un punto di vista subacqueo, circondata da altre isole piccole e grandi che hanno fondali spesso poco battuti (Banka, Talisei,Tindila e Lihaga).Visitabili tutto l’anno.
Filippine- Puerto Galera, Cebu, Malapascua, Dumaguete. L’arcipelago è interessante perchè coniuga il divertimento di andare sott’acqua senza stress con la possibilità di risiedere in comodi resort con centro subacqueo professionale. E’ semplice decidere in quale destinazione ci si voglia dirigere. Per piccoli ed esotici animali si possono scegliere località per il muck dive come nei dintorni di Negros e Panglao. Mare aperto, barriere coralline sono sinonimo di pesce pelagico, e vanno bene aree come Apo Island, Apo Reef e Tubbataha Reef. Resort aperti tutto l’anno. Le crociere sono stagionali.

Filippine, siti scelti

Il 24 settembre 1944 uno squadrone di 24 bombardieri americani bombardò le navi ancorate a Coron Bay, all’estremità settentrionale dell’isola di Palawan, la più occidentale delle isole Filippine, dove si trovava la flotta di rifornimenti giapponese che si nascondeva tra le isole. Oggi Coron Bay ha le migliori immersioni sui relitti nel sud-est asiatico, tutte racchiuse in un’area relativamente modesta. Ogni relitto ha le sue caratteristiche speciali, ma nel complesso sono grandi, per lo più intatti, con una profondità di immersione ragionevole e ricche di incredibili manufatti. I relitti sono cosparsi di vita – coralli e invertebrati aggrappati ad ogni superficie – e questa rigogliosa crescita attira orde di pesci.
I punti salienti includono la Okikawa Maru, una petroliera di 160 metri. La parte superiore della sovrastruttura della nave si trova a -10 m. Inoltre, da non perdere i relitti del Kogyo Maru e del Taiei Maru. Un’altra immersione degna sull’isola di Coron è il lago Barracuda. Lago ricco di termoclini che distorcono la luce e producono un paesaggio sottomarino alieno, che vanta anche la leggenda della presenza di un barracuda di dimensioni gigantesche.

Nel mezzo del mare di Sulu è una delle attrazioni principali della regione – il meraviglioso Tubbataha National Marine Park. 12 ore di navigazione da Puerto Princesa, ma le pareti che circondano le scogliere ovali valgono la pena. Tre delle barriere coralline – Jessie Beazley, North Reef e South Reef – formano un parco marino che è stato designato patrimonio dell’umanità. Così esposto nel bel mezzo del Mare di Sulu permette immersioni solo per un paio di mesi all’anno nella tarda primavera, quando la traversata del liveaboard non è troppo impegnativa. Molta azione pelagica con squali pinna bianca, mante e squali balena. In totale, sono state registrate oltre 600 specie di pesci, 359 specie di coralli, 11 specie di squali e 13 specie di delfini e balene. L’Amos Rock, parte del North Reef di Tubbataha, è una delle migliori immersioni con un muro coperto di gorgonie oltre a coralli molli e enormi banchi di pesci.
Minuscola e pittoresca isola, percorribile in meno di un’ora, uno dei pochi luoghi al mondo in cui ci sono avvistamenti regolari di squali volpe. Monad Shoal è un’isola sommersa con la cima piatta a circa 8 km dall’isola, stazione di pulizia degli squali volpe. Di solito sono molto mattinieri, arrivano molto presto quindi aspettatevi di essere sulla scogliera all’alba. C’è un’alta probabilità di poter osservare le mante allo stesso tempo. Non c’è un’enorme quantità di corallo in cima all’isola sommersa, ma c’è una posizione ideale per la fotografia macro in quanto vi è una vasta gamma di creature, che vanno dai cavallucci marini pigmei, ai nudibranchi, ai gamberetti di mantide e altro ancora. Le correnti possono essere molto sensibili.
Sulla costa settentrionale del Verde Island Passage si trova la penisola di Calumpang, lunga 13 km, meglio conosciuta come Anilao, geograficamente costituita dai villaggi di Anilao, Balingit e Mabini. Anilao è a solo un paio d’ore di auto da Manila e ha visto uno straordinario sviluppo negli ultimi 40 anni, con decine di operatori e resort tra cui scegliere. I siti di immersione spaziano da montagne sottomarine e pinnacoli a barriere coralline, a relitti, giardini di coralli e sedimenti molli, alghe e spugne, e altro. Di tutti i luoghi delle Filippine, il Verde Island Passage di 900.000 kmq è probabilmente la regione più ricca di biodiversità.
Proprio di fronte al Verde Island Passage si trova l’isola di Mindoro e Puerto Galera, il centro delle immersioni dell’arcipelago: vivace, divertente. Ha acque cristalline, un’abbondante vita marina (sono state identificate più di 800 specie di nudibranchi negli ultimi 20 anni) e una grande varietà di ambienti subacquei. Una delle zone più emozionanti è conosciuta come i Canyon, dove le correnti ricche di sostanze nutritive spazzano i sub attraverso tre passaggi mozzafiato ricoperti di coralli molli e spugne. Molti grandi banchi di pesci tra cui barracuda, pesci pipistrello.

In un oceano aperto tra l’isola di Mindoro, a nord, e Coron, a sud, c’è il parco naturale di Apo Reef, il secondo più grande sistema di barriere corallina al mondo. È un sito patrimonio mondiale dell’UNESCO. Quest’area è isolata e meravigliosa ed offre le migliori immersioni da una barca charter.
I punti salienti includono l’Apo 29, uno dei siti di immersione migliori ma più impegnativi della zona. La grande montagna sale a 25 metri sotto il livello del mare – quindi l’immersione è abbastanza profonda e le correnti sono forti. Molti squali di barriera, martello, mante e grandi banchi di pesci pelagici. Il momento migliore è tra novembre e maggio.

Il villaggio di Dauin si trova lungo la costa da Dumaguete sull’isola di Negros Oriental. L’attrazione principale qui è l’immersione di muck di livello mondiale. In aprile c’è l’invasione del pesce rana. Questo è uno dei santuari marini meglio documentati e meglio protetti del paese. L’isola di Apo (da non confondere con Apo Reef) situata a largo di Dauin offre un’immersione in corrente chiamata la lavatrice. Non per i deboli di cuore.
Fuori dalle principali rotte dell’arcipelago, Ticao Island si trova un grande banco sommerso noto come Manta Bowl. Questi sette ettari di scogliera piatta sono bagnati dalle acque ricche di plancton dei passi Ticao e Burias. Con corrente costantemente fluente, lo stretto è diventato una calamita per le mante sia come stazione di pulizia che alimentazione. Periodo migliore tra dicembre e maggio. Ottimo sito per gli squali balena.

Reef Oasis Diving Center non solo immersioni

Dieci immersioni dalla barca o da terra (per subacquei già in possesso di brevetto)
I pacchetti includono: bombole, cintura, pesi, guida. Per Sharm: pranzo (giornata intera in barca) e bibite (mezza giornata e giornata intera in barca), trasferimenti per hotels, tasse: PACCHETTO SUB € 248,00. E’ possibile fare il pre-checkin  da questo link


Situato nella baia di El Basha, direttamente sulla spiaggia, ha una meravigliosa vista sul Mar Rosso e sulle montagne del Sinai. Struttura – L’hotel è classificato 5 stelle e si trova nella baia di El Basha, a circa 11 km dall’aeroporto e 8 km da Na’ama Bay. È una struttura adatta sia per coppie e famiglie e offre una varietà di servizi tra cui numerosi ristoranti e bar, attività sportive, 5 piscine e un aquapark, intrattenimento serale. Camere – 696 camere di diversa tipologia, da standard a honeymoon suite, situate in palazzine a 2 piani. Le camere possono avere vista giardino, piscina o mare. Le camere standard possono ospitare al massimo 2 adulti, le camere superior e “preferred” fino a 3 adulti o 2 adulti e 1 bambino. Le camere deluxe e executive hanno posizioni privilegiate e sono più spaziose. Le camere family dispongono di 2 camere da letto e 2 bagni e possono ospitare fino a 4 adulti. Tutte le camere dispongono di telefono, aria condizionata, radio, TV satellitare, minibar (tranne le standard), cassetta di sicurezza e asciugacapelli.
6 ristoranti e 8 bar. Il Bay View è il ristorante principale dove vengono serviti colazione, pranzo e cena a buffet. Oltre al ristorante principale è possibile consumare i pasti negli altri ristoranti inclusi nella formula All Inclusive: il ristorante italiano, l’orientale e quello con specialità di pesce (alcuni piatti prevedono un pagamento di extra). Per chi desidera restare nelle vicinanze della spiaggia è possibile usufruire del ristorante a buffet (per la colazione e il pranzo) o della zona snack. L’hotel dispone anche di un ristorante francese molto esclusivo (a pagamento). Molti dei bar prevedono snack dolci e salati durante tutta la giornata. I bar – sono situati in posizione strategica all’interno del resort. Servizio in camera 24 ore su 24 a pagamento. Tutte le bevande di importazione sono a pagamento.
Servizi – Parrucchiere, negozi, servizio lavanderia, medico, libreria, connessione Wi-Fi gratuita nella lobby, internet cafè a pagamento. Spa con sauna e bagno turco, palestra, oltre ad una serie di massaggi e trattamenti. Sport – Campi da tennis (illuminazione a pagamento), aquapark, calcetto e pallavolo, ping pong, giochi di società, palestra, sauna e bagno turco, 5 piscine di cui 2 riscaldate, jacuzzi. A pagamento: biliardo, canoe, pedalò, sport acquatici, centro diving. Piccole insenature permettono l’entrata in mare. Per effettuare lo snorkeling è necessario utilizzare il pontile privato. Animazione – Attività sportive diurne e spettacoli di intrattenimento internazionale alla sera. Bambini – Miniclub per bambini dai 4 ai 12 anni. Attività diurne e serali, 2 piscine di cui 1 riscaldata.
Il Reef Oasis Spa Collection è uno spazio esclusivo in cui si snodano percorsi dedicati al benessere, all’estetica e al “Remise” en forme che si fondono in un’unica e suggestiva atmosfera per ritrovare l’equilibrio e riappropriarsi del proprio benessere. L’attenzione è rivolta alla cura del corpo, al relax e alla meditazione con l’obiettivo di ritrovare armonia e bellezza. La Spa è distribuita su 2000 metri quadri ed è dotata di bagno turco, idromassaggio, bagno mediterraneo, docce emozionali, private Spa e cabine massaggi. Prodotti : Prestigiosa linea di prodotti Sotys e una linea di prodotti locali a base di ingredienti naturali di piante e fiori coltivati nei territori del basso Nilo, frutto di un processo di produzione eco-sostenibile. Servizi : Trattamenti viso e corpo, massaggi antistress, sportivi, tonificanti e anticellulite, trattamenti in cabina Rasul. Aperto tutti i giorni dalle 8.00 alle 20.00. Obbligatorio l’uso del costume. L’ingresso è consentito a partire dai 16 anni.
All inclusive 24 ore ■ prima colazione, pranzo e cena a buffet presso i ristoranti principali oltre all’utilizzo dei ristoranti italiano, orientale e di pesce ■ snack dolci e salati (hamburger, tramezzini, hot dog), caffè e tè durante la giornata ■ bevande analcoliche/alcoliche locali a bicchiere (sono sempre escluse le bevande alcoliche di importazione) ■ bar aperto 24 ore offre una selezione di menu fissi oltre alla colazione ■ attività sportive (pallavolo, bocce, tennis (diurno), ping-pong, aqua-gym, calcetto); spettacoli serali, lezioni di ballo, ginnastica e aerobica, karaoke. Palestra, jacuzzi, sauna e bagno turco ■ utilizzo di ombrelloni, lettini e teli mare in piscina e spiaggia (fino ad esaurimento).