Una delle ultime “sculture” di Jason deCaires – tutte realizzate in cemento atossico non inquinante che favorisce l’attecchimento di piante marine e coralli – posata a Colorados Bay, Lanzarote, rammenta il “muro” di Berlino o le più moderne delimitazioni in Texas e in Israele. Lungo il muro virtuale una figura umana spia oltre con una macchina fotografica cercando di immortalare chissà quali segreti. Opera significativa e attuale. Oltre che far riflettere i visitatori, l’enorme massa del museo con opere a grandezza naturale sta svolgendo anche il compito di aver aumentato la biomassa marina del 200% creando un ambiente nuovo dove non è oramai più raro poter osservare barracuda, sardine, squali angelo e razze

In una mattina di luglio del 2013, un grande squalo bianco di nome Lydia stava nuotando attraverso l’Oceano Atlantico del Nord. Mentre il sole sorgeva sopra le onde, fece una brusca discesa nell’abisso. Si tuffò, sempre più a fondo, finché raggiunse la sua destinazione a un chilometro sotto la superficie. Lydia nuotava …

Santuario dei volpe

Tapanee Beach Resort tappa italiana a Malapascua, Filippine

Sull’orlo estremo dell’isola, un fazzoletto di terra emersa orlata in parte da spiaggia bianca. Unico punto leggermente più sollevato rispetto al resto.  Il Tapanee Beach Resort se ne sta lì affacciato sul mare, una sorta di larghissimo canale, part del mare delle Visayas,  condiviso da altre due isole enormi. Malapascua è un frammento, la sua denominazione la si deve agli scopritori spagnoli che ebbero il giorno di Pasqua un “mala” giornata.

Tapanee brochure

Il Tepanee sorge su una piccola collina che sale dalla spiaggia Logon posta a nord ovest e ridiscende sulla nostra piccola spiaggia privata affacciata a sud ovest, una zona isolata dal resto dell’isola dalla quale si ammirano tramonti mozzafiato e dove abbiamo sistemato ombrelloni, lettini ed il bar ristorante Chiringuito. Inoltre, nella collina adiacente alla reception, sorge il nostro ristorante panoramico Amihan

E’ tanto piccola che la si può girare a piedi in due ore, nessuna auto, solo quale motorino disponibile anche ad accompagnare il turista dove desidera. Nessun tipo di vita notturna, solo mare, spiaggia e immersioni per chi le ama. Una destinazione “povera“, si potrebbe pensare priva delle mille luci, del divertimento, dell’aperitivo al calar del sole, della cena alla luce della luna. A pensarci bene non è così poi tanto povero quel che offre questo fazzoletto di terra. Non ci sono orari, i traghetti partono quando sono pieni, se c’è mare mosso rimangono a riva, non c’è che il brusio dei bambini che giocano e il noioso rumore della natura: mare che frange, alberi che si scrollano al vento.
Sott’acqua poi non manca nulla. Pesci coloratissimi, grande attività anche nelle acque poco profonde dove  possono andare in escursione tutti coloro che prediligono maschera e boccaglio.
Volendo approfondire la conoscenza di quest’isola basta spingersi nell’interno (si fa per dire), visitare gli altri villaggi (otto in tutto), passeggiare sulle altre spiagge, raggiungere il faro. Chiacchierando con la gente del posto, bevendosi un batido de fruta, camminare nell’acqua cristallina. L’isola è un affresco delle Filippine più autentiche senza tutto quel che di mega ci deve accompagnare. Il Tapanee Beach Resort arroccato a ridosso della sua preziosa collinetta, dove tra l’altro c’è il Ciringhido Restaurant & Bar, mantiene quel tanto che basta di modernità e funzionalità a cui noi europei non possiamo più rinunciare. Il tutto però molto contenuto.
Se piace la subacquea l’attrazione maggiore è l’immersione per l’osservazione dello squalo volpe che chissà per quale motivo in uno specifico sito di questo mare appare regolarmente la mattina presto. Misteri della Natura.

>>SCARICA BROCHURE<<


QUOTE VIAGGIO & SOGGIORNO AQUADIVING TOURS 

Tra le isole filippine

La Baia del Pescatore ha mantenuto la sua semplicità. Il menù: buon cibo e grandi tuffi

Un pezzo di baia, davanti, palmizi e alberi tropicali, dietro. E’ l’angolo della Baia del Pescatore – Fishermen’s Cove – dal sapore pittoresco nell’antico attracco di Puerto Galera, insediamento spagnolo dove i galeoni sbarcavano i galeotti (1572). In quest’angolo di isola, Oriental Mindoro, trent’anni fa un italiano si insediava e rizzava un resort dedicato a chi amava il mare. Una posizione ideale, pochi minuti dal paese di Puerto Galera, lontano da tutto il resto, posizione che avrebbe potuto fornire ai futuri clienti quel tanto di sapore esotico condito con un poco di modernità. Fishermen’s di ora è sempre lo stesso di allora, stessa semplicità, stessi sapori, massima libertà di muoversi, scegliere. Qualcosa è stato aggiunto, modificato, migliorato, quel che non è cambiato è la simpatia di Giuseppe che è rimasto del tutto simile a quella persona che anni fa piantò il primo palo del Fishermen’s.
Che si trova affacciato sul Passage – lo Stretto – che separa Luzon, dove è insediata la capitale Manila, con il lato orientale di Mindoro.
Nel mezzo di questa sorta di imbuto, dove l’acqua del mare fluisce rapida, l’isola Verde.
E’ grazie a questo imbuto se il rimescolamento di acque diverse avviene ed è grazie sempre a questo se il cibo per innumerevoli specie marine si trova in abbondanza.

C’è un altro testo, se vuoi leggere di più clicca qui

Non per nulla tutta quest’area, che si estende fino a Verde Island, è così popolare tra gli appassionati di immersioni. La biodiversità è il nocciolo centrale, ciò che attira, ciò che permette immersioni alla ricerca del nuovo, del colorato, del buffo se non del grottesco. Animali che si sono trasformati per via dell’innesto di specie differenti tra loro, animali che hanno trovato qui un proprio habitat, animali che ora sono ricercati dai fotosub e studiati dai ricercatori marini.
Ma questa storia oramai la si conosce.

Ristorante del resort

Ma non è tanto quello che offre il mare a sorprendere, a farci sentire a nostro agio quanto questo piccolo resort. Tutto in legno, in uno scenario completamente naturale, l’essenziale non manca, compresa la cambusa, fondamentale per ogni viaggiatore e marinaio. L’offerta della cucina è pesce fresco, pane e pasta fatti in casa in primis ma anche piatti tipici filippini o orientali. Scelta ampia e godereccia se si pensa che siamo nel profondo oriente filippino.
Nessun vincolo nella vita all’interno del resort.
Si può chiedere di fare un giro a piedi a Puerto Galera, andare in una delle spiagge vicine, partecipare ad un’escursione nei villaggi locali, stare panciolle su un sdraio, uscire in barca con gli altri, snorkolare in giro oppure partecipare alle immersioni. Il pezzo forte. Le uscite sono giornaliere, brevi navigazioni e si è su uno dei 27 siti d’immersione, per l’intervallo viene usata una spiaggia dove si fa una colazione a base di pesce, pomeriggio altro tuffo. La costa della penisola è frammentata in numerose calette, i fondali variano in base alla posizione, il pesce più grande si trova nello Stretto che dove alle volte spira una leggera corrente. Tartarughe, barracuda, qualche pinna pinna bianca, carangidi, pesce di taglia media, tutti che vagano in queste acque ricche di cibo. I giardini di corallo sono a minor profondità, spettacoli anche per chi non indossa la bombole.

Le foto di Ulrich, al secolo Neidert, fotografo tedesco che oramai da diversi anni collabora con Aquadiving Tours e il Siladen Resort & Spa, mi ricordano un piccolo mondo antico, di tanto tempo fa, quando non si osava scendere oltre una soglia dettata, più che dalla prudenza, dalla vita che si muoveva davanti al vetro della maschera. Sicuramente più sotto c’era di meglio, ma in questo strato marino c’era già molto. [continua]

SPECIALE SETTEMBRE OTTOBRE

Una delle più caratteristiche crociere alle Maldive è senza dubbio quella che si può fare con la Sachika motor yacht a tre ponti da 33 metri f.t. I safari della Sachika iniziano di sabato e terminano sei giorni dopo percorrendo un tratto dell’arcipelago maldiviano intorno all’atollo di Male Nord e Sud, quello di Feliddhoo e Ari.  Sachika dispone di 10 cabine per 20 passeggeri composte da 3 suite, 1 junior suite, 4 cabine standard matrimoniali o doppie, 2 doppie. È una imbarcazione completamente attrezzata ed equipaggiata con un dhoni utilizzato per immergersi nelle barriere più incredibili delle Maldive.

La rotta Safari del Sachika – sabato a sabato 6 giorni di immersioni – in linea di massima potrebbe essere questa anche se alternative e cambi di programma sono sempre possibili.
NORD MALE – SUD MALE – FELIDHOO – ARI
SABATO (giorno di arrivo) – se tutti gli ospiti della settimana (quindi non solo questi specifici ospiti) arrivano al mattino potrebbe esserci un’immersione di controllo nell’atollo di Malé Nord (Kurumba House Reef)

Junior suite a bordo del Sachika

DOMENICA – possibile check-dive (o seconda immersione della settimana) nell’atollo di Malé Nord (Lankan Paradise) – attraversare l’atollo di Malé Sud – seconda immersione nell’atollo di Malé Sud (Kandooma Thila) – attraversare Felidhoo atollo – possibile banco di sabbia nel pomeriggio (banco di sabbia di Alimath) – terza immersione nell’atollo di Felidhoo (immersione notturna con gli squali)
LUNEDI – Felidhoo (Myaru Kandu) – 2a e 3a immersione atollo di Ari (Five Rocks e Kuda Rah Thila)
MARTEDÌ (Ari, da sud a parte centrale) – 3 immersioni (Kudi Maa, Sun Island Beyru, Rhaddhigga Thila)
MERCOLEDÌ – (Ari, parte centrale a parte Nord-Ovest) – 3 immersioni (angolo Moofushi 1, angolo Moofushi 2, Fesdhoo “relitto”) + possibile immersione notturna
GIOVEDÌ – (Ari, parte nord centrale) – 3 immersioni (Testa di pesce 1, Testa di pesce 2, Maayathila) + possibile immersione notturna supplementare (Maayathila).
VENERDÌ il numero di immersioni * dipenderà dal tempo di volo degli ospiti il ​​giorno dopo, poiché dobbiamo considerare 24 ore “no fly” prima della partenza
SABATO (partenza) – check-out alle 7.30

PER INFO DETTAGLIATE AQUADIVING TOURS

AQTNews notiziario
di Aquadiving Tours

Ports of Call Resort si trova all’interno dell’area di Grace Bay sull’isola di Providenciales, Turks & Caicos, a 15 minuti di auto dall’aeroporto. La struttura comprende un edificio centrale con reception, business center, sala colazioni, sala fitness e bar a bordo piscina. Ports of Call Resort ha 98 junior suite deluxe completamente rinnovate di circa 30 m² con vista sulla piscina (alcune con balcone o terrazza) e altre con vista sul giardino. Le camere sono situate in due edifici a tre piani (senza ascensore) che circondano la piscina tropicale. Le strutture tropicali all’aperto includono un bar a bordo piscina e lounge, ping pong, biliardo, vasca idromassaggio, sedie a sdraio, patio, ombrelloni, asciugamani e un’area giochi dedicata ai bambini. Grace Bay Beach, la spiaggia, completa di lounge, ombrelloni, stand up paddleboard e kayak, è a soli 300 metri dalla proprietà. Una navetta parte ogni ora e vengono forniti teli mare. Ports of Call comprende anche i negozi e la piazza dispone di una varietà di ristoranti, bar, negozi di articoli da regalo e di abbigliamento, oltre a spa, parrucchiere, gelateria, centri immersioni, spazio per conferenze, charter di pesca e noleggio auto / scooter.

INDONESIA

SILADEN con accompagnatore
SILADEN DIVE RESORT

CAPODANNO SULAWESI 
Siladen Resort

CAPODANNO KOMODO
Komodo Resort

MALDIVE
Maldive a terra
Sun Island/Holiday Resort/Paradise Resort

Fuvahmulah, Atollo di Addu
Tigershark tutto l’anno

Crociera MY Rani
Novità Tigershark
Partenza ogni venerdì

TURKS AND CAICOS
Port of Call Resort

MICRONESIA
PALAU

Palau Pacific Resort

Appunti di Viaggio

Madagascar – Nosy Be. E’ un frammento di isola nell’isola situata nella parte nord occidentale del Madagascar, 8 chilometri al largo di una costa frastagliata. Le tiepide acque del Canale di Mozambico, la protezione del massiccio Tsaratanana rendono il clima dell’isola più mite dal resto del territorio. Visitabile da aprile a novembre.

Tanzania – Isola di Mafia. La mancanza della modernità offre vantaggi innegabili come una natura ed un oceano che non è stato depauperato. Qui è Africa, talvolta dura, irruente, che lascia il segno. E il mare africano, in questo caso l’Oceano Indiano, ha le stesse caratteristiche delle savane o delle foreste, rispecchia la violenza di colori e di animali. Visitabile da giugno a marzo.

Borneo Malese – Mabul, Kapalai, Mataking. Le prime due a poche decine di minuti da Sipadan, celebre per i suoi fondali, parco marino accessibile a numero chiuso. Mabul e Kapalai, sono famose anche per il “muck dive” con fondali poco profondi. più lontana da Sipadan, poggiano su un vasto pianoro sabbioso. Mataking si trova nel canale di Alice, profondo 100 metri. Visitabili tutto l’anno.

Isole Gili & Lombok. Gili Trawangan. Con Gili Meno e Gili Air sono tre isolotti a nord di Lombok. L’arcipelago è molto rinomato per le numerose attrattive turistiche e i fondali marini. Sono isole semplici con mare cristallino. Luogo ideale per chi è alla ricerca di tranquillità, di semplicità e di una vacanza dettata da ritmi naturali. Niente auto.Visitabili tutto l’anno.
Isola di Bali. Eccellenti immersioni con differenti caratteristiche. Dalle ripide pareti di Menjangan alle strane creature che si trovano a Gilimanuk, al famoso relitto della seconda guerra mondiale a Tulamben, alle correnti con acque fresche di Nusa Lembongan e Nusa Penida con le numerose mante. I siti di immersione sono facilmente raggiungibili. Visitabile tutto l’anno.
Nord Sulawesi – Gangga Island. Si trova nel bel mezzo di un’area marina considerata eccezionale da un punto di vista subacqueo, circondata da altre isole piccole e grandi che hanno fondali spesso poco battuti (Banka, Talisei,Tindila e Lihaga).Visitabili tutto l’anno.
Filippine- Puerto Galera, Cebu, Malapascua, Dumaguete. L’arcipelago è interessante perchè coniuga il divertimento di andare sott’acqua senza stress con la possibilità di risiedere in comodi resort con centro subacqueo professionale. E’ semplice decidere in quale destinazione ci si voglia dirigere. Per piccoli ed esotici animali si possono scegliere località per il muck dive come nei dintorni di Negros e Panglao. Mare aperto, barriere coralline sono sinonimo di pesce pelagico, e vanno bene aree come Apo Island, Apo Reef e Tubbataha Reef. Resort aperti tutto l’anno. Le crociere sono stagionali.