Il famoso Blue Hole del Belize visto dallo spazio. L’estesa area marina, Patrimonio mondiale, comprende oltre a questa curiosità naturale anche le riserve marine del Chico di Bacalar, Half Moon Caye, Caye del Sud, Glover’s Reef, Laughing Bird Caye e Sapodilla Cayes

Il comitato UNESCO per il patrimonio mondiale ha deciso di rimuovere il Belize Barrier Reef dalla lista dopo che il governo del Belize ha promulgato la legislazione che pone termine alle esplorazioni petrolifere offshore, elogiando il “piano per gestire la costa” del Paese centroamericano, affermando che “il livello di conservazione è stato raggiunto.
I progressi significativi compiuti dal Belize sono encomiabili, in particolare la promulgazione di una moratoria sulle esplorazioni petrolifere e altre operazioni petrolifere nell’intera zona marittima del Belize. Il Belize Barrier Reef Reserve System (BBRRS) è il secondo più esteso al mondo dopo la Great Barrier Reef in Australia. L’UNESCO aggiunse la barriera corallina alla sua lista di siti del patrimonio mondiale nel 1996, affermando come fosse in pericolo. Il Belize è stato invitato a mettere in atto misure di salvaguardia per proteggere ciò che Charles Darwin ha descritto come “la scogliera più straordinaria delle Indie Occidentali”. Nel 2017, il legislatore ha imposto una moratoria sulle esplorazioni petrolifere nelle acque del Belize, che lo rende uno dei pochi paesi al mondo con tale legislazione. Il sito è composto da sette aree protette; Parco naturale e riserva marina del Chico di Bacalar, Monumento naturale Blue Hole, Monumento naturale di Half Moon Caye, Riserva marina di Caye del Sud, Riserva marina di Glover’s Reef, Parco nazionale di Laughing Bird Caye e Riserva marina di Sapodilla Cayes.

L’Arabia Saudita ha lanciato un massiccio progetto di sviluppo turistico che trasformerà 50 isole del Mar Rosso in resort di lusso. Il progetto, conosciuto come Vision 2030, fa parte di un piano guidato dal principe ereditario Mohammed bin Salman, primo in fila al trono saudita. Con il crollo delle entrate petrolifere, il turismo è stato accantonato come un nuovo modo di guadagnare reddito e fornire posti di lavoro. Si spera nel turismo anche subacqueo. La costruzione dei nuovi resort è programmata per il 2019. La prima fase comprenderà un nuovo aeroporto, alberghi di lusso e alloggi, con completamento previsto nel 2022. Lo sviluppo interesserà 200 km della costa occidentale del Mar Rosso. I turisti potranno visitare le rovine di Madain Saleh, dichiarate Patrimonio dell’Umanità e le barriere coralline dovrebbero rivelarsi particolarmente allettanti per i subacquei. Tuttavia, i severi codici religiosi e sociali del paese si sono dimostrati poco allettanti per i turisti. Alcol, cinema e teatri sono attualmente proibiti e le donne devono indossare il velo in pubblico. Sebbene le restrizioni sui visti per gli stranieri potrebbero essere alleviate nella zona turistica, non è chiaro se i codici di abbigliamento e altre restrizioni saranno allentate.

Le Hawaii sono il primo Stato americano a passare una legge che vieta specifici prodotti per la protezione solare. La nuova legge vieta la vendita e la distribuzione di filtri solari contenenti i prodotti chimici oxybenzone e octinoxate. Gli scienziati hanno scoperto che queste sostanze chimiche, se lavate via dalla pelle e disperse nelle acque dell’oceano, possono causare lo sbiancamento dei coralli. Le barriere coralline sono fragili, ma vitali, parti degli ecosistemi del mondo e supportano la più alta biodiversità marina del mondo. Le barriere coralline sono inoltre essenziali per oltre mezzo miliardo di persone che dipendono da loro per cibo, lavoro e attività ricreative – con un impatto economico stimato di 375 miliardi di dollari l’anno.

Privo di vita in spiaggia

Un mostro da quattro metri

Un calamaro di poco superiore ai quattro metri è stato trovato spiaggiato nei pressi di Welllington, in Nuova Zelanda. L’imponente cefalopode è stato scoperto da tre sub mentre cercavo un luogo dove fare immersioni. Chissà cosa sarebbe accaduto se i tre se lo fossero trovato di fronte all’inizio dell’immersione? Il terzetto ha riferito di aver incontrato squali in precedenti occasioni ma questa è la prima volta che incontrano un simile  esemplare anche  se oramai privo di vita. Secondo il Department of Conservation, l’animale è certamente un calamaro gigante (Architeuthis dux). Questa non è la prima volta che uno di questi abitanti di acque profonde è stato ritrovato su una spiaggia della Nuova Zelanda; nel 2015, un gigante di sette metri è comparso su una spiaggia a Kaikoura. I calamari giganti passano il loro tempo nelle profondità del mare e raramente emergono, quindi non è chiaro come questo ragazzone di quattro metri sia finito su una spiaggia. Aveva solo un graffio sulla sommità della sua testa, molto piccolo, e non si pensa sia quello che l’ha ucciso.

Timor Leste, dieci episodi da vedere

La prima serie tv sul mondo sottomarino di Timor Est, composta da 10 episodi che coprono la vita marina, le persone e le avventure in questo paese che potrebbe essere la destinazione per le immersione meglio mantenuta al mondo.
Questa serie web unica nel suo genere è disponibile per la visualizzazione GRATUITA sui canali Scubazoo.tv e Scubazoo.
Con balene blu e capodogli, super-branchi di delfini, dugonghi, barriere con molta biodiversità con una straordinaria vita macro e molto altro, Timor-Leste è stata tagliata fuori dal resto del mondo per decenni. Le acque che circondano questa isola sono una delle ultime frontiere del nostro oceano.

Giallo limone ma limone non è

La Leucetta chagosensis è una spugna calcarea molto diffusa che si trova negli habitat ombreggiati delle barriere coralline dell’Indo-Pacifico, Polinesia, Marchesi, Tuamotu. Molto visibile perchè di colore giallo acceso. E’ una spugna massiccia, subsferica o piriforme con una superficie liscia. I grandi osculi, di 1-2 mm di diametro, sono circondati da un margine elevato. Cavità sottocorticali spesso visibili. La consistenza è compatta, solida, ma friabile. Dimensione massima 10 cm. Facile sentirla chiamare Lemon sponge proprio per il suo colore.

EcoResort, Papua Paradise

Raja Ampat è il centro della biodiversità. Già dalle prime immersioni si nota la differenza sostanziale che esiste tra queste acque ed altri tratti di mare. Di questo gruppo di isole al confine tra l’Indonesia orientale e la Papua Nuova Guinea molto si è detto e scritto nel recente passato proprio perché in questo tratto di oceano, dove sono presenti decine di isole, tutti i visitatori hanno scoperto con sorpresa il mare di mille anni fa. Quando era popolato e vivo con tute le sue differenze. E sono, siamo, rimasti abbagliati da quanto si è potuto osservare e incontrare tanto che questa destinazione è arrivata rapidamente in cima alla classifica dei desideri.
E’ solo molto lontana da noi, è quasi esattamente dalla parte opposta del Globo, per raggiungerla ci sono un infinito numero di ore di volo, ma non più di quanto si impiegherebbe ad andare in qualunque altra destinazione ai margini del mondo. Poi quando si arriva è solo lo splendore della Natura ad abbagliarci con i suoi colori esasperati e quanto si può osservare sopra, e per noi, sotto.
La sistemazione alberghiera è di prim’ordine, con camere in stile locale affacciate sul mare, stupende. Nulla da eccepire sulla rimanente parte del Resort se non notare come tutto sia predisposto per chi ama immergersi.


Maggiori Informazioni
Quota offerta Aquadiving Tours

Maldive in navigazione

L’ Ocean Sapphire da 35 metri è stato costruito su misura per offrire fantastiche crociere subacquee in alcune delle migliori località delle Maldive. Ha 11 spaziose cabine a bordo per ospitare un massimo di 22 ospiti. Ogni cabina dispone di aria condizionata e bagno privato – le 4 cabine doppie situate sul ponte superiore hanno anche una vasca da bagno. Gli ospiti troveranno ampio spazio per il relax e potranno scegliere tra l’ampio salone e la zona pranzo, dove verranno serviti 3 pasti a buffet di cucina locale e internazionale, l’area salotto all’aperto e il bar o il solarium con la Jacuzzi situati sul ponte superiore.


QUOTE VIAGGIO & SOGGIORNO AQUADIVING TOURS 

Il fattore C aiuta

Un autoscatto con la megattera. Un bel colpo di fortuna per questo apneista nelle acque di Tonga. Adam Stern, recordman australiano, si è visto arrivare una megattera che senza paura è andato a curiosare cosa stesse facendo mentre si allenava nelle acque di Nuku’alofa, Tonga. E Adam ha ripreso la scena nella maniera più classica. La scena merita di essere vista e siamo in molti a pensare che sarebbe entusiasmante un simile incontro.

AQTNews notiziario
di Aquadiving Tours

CAPODANNO
SULAWESI 
Siladen Resort

KOMODO
Komodo Resort

INDONESIA
SILADEN con accompagnatore
SILADEN DIVE RESORT

MALDIVE

Fuvahmulah, Atollo di Addu
Tigershark tutto l’anno

Crociera Ocean Sapphire
Ottobre

Crociera MY RANI
Novità Tigershark
Partenza ogni venerdì

BELIZE
Turneffe Island Resort

TURKS AND CAICOS
Port of Call Resort

MICRONESIA
Palau Pacific Resort

Ottobre in acqua

ATA BAA, MALDIVE
Per gli appassionati, non c’è posto migliore per essere in ottobre rispetto alle Maldive. In particolare, vorrai dirigere verso la baia di Hanifaru nell’atollo di Baa. Ogni anno da maggio a novembre, le Maldive hanno il monsone che spira da sud-ovest. Le condizioni causate dal monsone creano una marea lunare che a sua volta fornisce un’enorme concentrazione di plancton nella baia di Hanifaru. Ovviamente, questo attira un numero enorme di animali marini filtratori: mante, squali balena ed altri. Mentre si può fare snorkeling nella baia di Hanifaru da terra, si può sfruttare la possibilità di una crociera per avere il meglio.


OMAN
Ultimo arrivato sulla scena delle destinazioni sub, questo stato della penisola araba incanta i visitatori con numerose aree di immersione eccellenti, tra cui la propaggine di Musandam, le isole Daymaniyat e le isole Hallaniyat. Nel mese di ottobre, è possibile trovare itinerari per tutte e tre le principali aree di immersione. E, occasionalmente, se ne possono trovare due combinati in un solo viaggio perché le imbarcazioni charter si muovono per riposizionarsi per il cambio di stagione. Da ottobre a febbraio, l’Oman sperimenta un mix molto piacevole di temperature miti dell’aria e acqua calda di circa 28 °. La visibilità può essere ridotta, ma ciò significa che ottobre è uno dei mesi migliori per avvistare gli squali balena nelle acque dell’Oman.


SUDAN
E’ anche una destinazione per le immersioni subacquee autunnali. Essenzialmente una destinazione per tutto l’anno, ma il tardo autunno offre un bel mix di buon tempo atmosferico e vita marina pelagica. Ottobre e novembre sono i mesi migliori per avvistare squali e mante nelle acque sudanesi. Poiché il Sudan non ha le infrastrutture per le immersioni, questa parte del Mar Rosso richiede l’uso di una crociera, che permettono di arrivare a siti lontani.


VISAYAS, FILIPPINE
Con ottobre termina la stagione dei tifoni, il momento giusto per una crociera nella regione di Visayas. Sono generalmente ben protette dai tifoni di altre isole e il tempo a Malapascua dovrebbe essere ottimo per le immersioni. Luogo ideale per le immersioni con gli squali volpe: Monad Shoal è uno dei luoghi più affidabili del pianeta per osservare queste creature.


BONAIRE
Gli uragani nei Caraibi possono ancora scatenarsi durante la fine dell’autunno. Bonaire è fuori da questa rotta, la sua posizione la risparmia e i cambiamenti stagionali non sono neppure avvertiti. Tuttavia, da aprile a novembre rappresenta la stagione secca con condizioni di mare calmo e temperature calde sopra e sotto l’acqua. Offre immersioni notturne, incredibili macro e relitti. E quasi tutto è accessibile dalla costa.


Appunti di Viaggio

Madagascar – Nosy Be. E’ un frammento di isola nell’isola situata nella parte nord occidentale del Madagascar, 8 chilometri al largo di una costa frastagliata. Le tiepide acque del Canale di Mozambico, la protezione del massiccio Tsaratanana rendono il clima dell’isola più mite dal resto del territorio. Visitabile da aprile a novembre.

Tanzania – Isola di Mafia. La mancanza della modernità offre vantaggi innegabili come una natura ed un oceano che non è stato depauperato. Qui è Africa, talvolta dura, irruente, che lascia il segno. E il mare africano, in questo caso l’Oceano Indiano, ha le stesse caratteristiche delle savane o delle foreste, rispecchia la violenza di colori e di animali. Visitabile da giugno a marzo.

Borneo Malese – Mabul, Kapalai, Mataking. Le prime due a poche decine di minuti da Sipadan, celebre per i suoi fondali, parco marino accessibile a numero chiuso. Mabul e Kapalai, sono famose anche per il “muck dive” con fondali poco profondi. più lontana da Sipadan, poggiano su un vasto pianoro sabbioso. Mataking si trova nel canale di Alice, profondo 100 metri. Visitabili tutto l’anno.

Isole Gili & Lombok. Gili Trawangan. Con Gili Meno e Gili Air sono tre isolotti a nord di Lombok. L’arcipelago è molto rinomato per le numerose attrattive turistiche e i fondali marini. Sono isole semplici con mare cristallino. Luogo ideale per chi è alla ricerca di tranquillità, di semplicità e di una vacanza dettata da ritmi naturali. Niente auto.Visitabili tutto l’anno.
Isola di Bali. Eccellenti immersioni con differenti caratteristiche. Dalle ripide pareti di Menjangan alle strane creature che si trovano a Gilimanuk, al famoso relitto della seconda guerra mondiale a Tulamben, alle correnti con acque fresche di Nusa Lembongan e Nusa Penida con le numerose mante. I siti di immersione sono facilmente raggiungibili. Visitabile tutto l’anno.
Nord Sulawesi – Gangga Island. Si trova nel bel mezzo di un’area marina considerata eccezionale da un punto di vista subacqueo, circondata da altre isole piccole e grandi che hanno fondali spesso poco battuti (Banka, Talisei,Tindila e Lihaga).Visitabili tutto l’anno.
Filippine- Puerto Galera, Cebu, Malapascua, Dumaguete. L’arcipelago è interessante perchè coniuga il divertimento di andare sott’acqua senza stress con la possibilità di risiedere in comodi resort con centro subacqueo professionale. E’ semplice decidere in quale destinazione ci si voglia dirigere. Per piccoli ed esotici animali si possono scegliere località per il muck dive come nei dintorni di Negros e Panglao. Mare aperto, barriere coralline sono sinonimo di pesce pelagico, e vanno bene aree come Apo Island, Apo Reef e Tubbataha Reef. Resort aperti tutto l’anno. Le crociere sono stagionali.